.

.

lunedì 15 gennaio 2018

New York (Usa) - Fca, utili raddoppiati entro il 2022 : l'Ad di Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne, conferma la sua uscita nel 2019. Intanto, oggi apre il Salone di Detroit



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Riad (Arabia Saudita) - Principe saudita non paga cauzione da 1 miliardo e finisce in carcere



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Bangkok (Thailandia) - Affonda la petroliera iraniana: è disastro ambientale in Cina. Una macchia di petrolio per 10 Km. , a bordo c'erano idrocarburi tossici. Nessuna speranza per i 32 marinai che componevano l'equipaggio



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Parigi (Francia) - Italia esclusa dalla " salmonella " nel latte in polvere. Il caso Lactalis coinvolge 83 paesi



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Napoli - Ragazzi selvaggi: così a Napoli il vuoto diventa violenza urbana, rapine e botte senza motivo, ma anche accoltellamenti



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Vaticano - In piazza San Pietro 9 mila persone da 50 diversi paesi, hanno celebrato l'evento della " Giornata del rifugiato " e il Papa, ha detto: la paura del diverso non alimenti l'odio



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - Il presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno, parla della clamorosa destituzione del consigliere Francesco Bellomo, la terza in circa 100 anni, e dice: " Bellomo ha leso il nostro onore, ora basta con le scuole fai-da-te " e ha aggiunto: " Caso doloroso, ma abbiamo reagito. Chi ci attacca vuole il far-west "


Roma - Berlusconi va nella trasmissione condotta da Barbara D'Urso a Canale 5, e dice: " Non votare è come suicidarsi "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - Giovani arrabbiati e intellettuali spingono l'onda Cinque Stelle: così Beppe Grillo sfonda anche al Sud



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - La leader di " +Europa ", Emma Bonino, avverte: " Intesa con il Pd ancora possibile, ma Renzi ama ballare da solo ". I Dem non sono il nemico, alle regionali ci saremo



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - Verso il voto, la nuova strategia di Pietro Grasso: " Ci vuole un leader che decide " e nel Lazio fa l'accordo con Zingaretti, tagliando fuori i centristi



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - L'inchiesta: stangata sui conti correnti, dalle grandi Banche aumenti fino al 40%, e forti rincari anche da parte di Istituti " on-line " e Bancoposta. Unipol, precisa: " Colpa della legge "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Roma - Gara per l'acquisizione di Alitalia, oggi nuovo " summit ": tre le offerte, ma Lufthansa resta favorita



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Firenze - L'ex consigliere del Pd, Maurizio Sguanci, esprime un concetto su Facebook: nessuno ha fatto più di Mussolini



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Milano - Dalla finanza all'industria: Matteo Salvini punta ai poteri " forti ", ora la strategia della Lega è rassicurare il mondo dell'economia



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Genova - Trasporto pubblico: in città prove di " nozze " tra Amt, Atp e Fs, dopo le dichiarazioni al Secolo XIX dell' Ad Mazzincini, che illustrerà il suo piano



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018


Genova - " Non mi sento di chiedere la semilibertà ": il killer Luca Delfino potrebbe già beneficiarne, ora è detenuto nel carcere di Pontedecimo per aver ucciso la fidanzata



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Genova - La polemica sul nuovo contratto con TrenItalia: ora è scontro tra il governatore Toti e il Pd


Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Genova - " Boom " di scambi con Europa e Asia: decolla l'Iran del " dopo-sanzioni ". Il partner più importnate è la Cina, mentre sono in netta crescita gli affari con la Corea del Nord



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Genova - Aggressione di CasaPound, il ministro Guardasigilli uscente, Andrea Orlando, dice: " Fatto intollerabile ", i giovani del collettivo " Genova antifascista ", sarebbero stati assaliti con cinghie e forse coltelli



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Ventimiglia - In fuga verso la Francia: è strage di migranti, travolti dai Tir in autostrada e falciati sui binari, mentre tentano di varcare il confine a Ventimiglia



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - Angelo Vaccarezza, capogruppo di Forza Italia in Regione Liguria, ha incontrato questa mattina Amedeo Mosca, dirigente FIVA, nell'area mercatale di Savona, per parlare del mancato trasloco del mercato settimanale del lunedì nel centro città e capire quali siano le possibili soluzioni, visto che ai tempi dell'assessore Ileana Romagnoli questo era un espresso desiderio dell'amministrazione guidata da Ilaria Caprioglio, rivolto ai mercatali che avevano aderito al progetto con grande disponibilità ed entusiasmo. Poi, con l'avvento nel ruolo assessoriale di Maria Zunato, proveniente da Rifondazione Comunista, imposta dall'ex on. Guido Bonino, ex socialista, già presidente della Comunità Montana di cui proprio la Zunato era Dirigente, lo stesso Bonino ora dirigente della Lega Nord in Valbormida, che ha fatto sì che la Zunato entrasse nell'amministrazione di Ilaria Caprioglio, in quota Lega Nord, tutto il progetto del trasferimento è stato volutamente fatto naufragare, a poche settimane dallo spostamento definitivo in via Paleocapa e limitrofe. #Vaccarezza #AngeloVaccarezza #ilventoècambiato #lamialiguria


                                              Angelo Vaccarezza  e  Amedo Mosca



Buongiorno Amici, oggi inizio la mia giornata a Savona.

Su invito dell'amico Amedeo Mosca, dirigente dell'Associazione Nazionale Commercio su Aree Pubbliche ho visitato l'area dove attualmente si svolge il mercato settimanale, il "mercato del lunedì". 
Sono sempre più solidale con la categoria dei mercatali, che, come i balneari, da troppo tempo subiscono e vivono con grande difficoltà scelte e situazioni legate alle loro attività, scelte e situazioni che, parlando di lavoro e di futuro, difficili non dovrebbero essere.

Quando si parla degli investimenti che un imprenditore, piccolo o grande che sia, decide di fare, sviluppando i suoi progetti su aree pubbliche, è doveroso da parte delle amministrazioni competenti che vi siano il sostegno e la tutela, non solo a parole, ma con i fatti concreti, mirati a trovare soluzioni e scevri da qualunque personalismo.

La vicenda dello spostamento dalle attuali aree sulle quali si svolge il mercato è sospesa da troppo tempo, o meglio, avrebbe dovuto essere già risolta.

La brusca frenata sulle decisioni assunte dopo un lavoro preciso e puntuale dell'assessore Ileana Romagnoli, mi spingono a fare appello al Sindaco, Ilaria Caprioglio, poiché sono sicuro che il suo buon senso sarà in grado di chiudere in maniera costruttiva una questione che tiene in bilico il futuro di diverse famiglie.

Giova ricordare che il mercato si svolge PROVVISORIAMENTE su un'area oggetto di contenzioso, per cui dopo anni di mala gestione PD l'intervento del centro destra deve andare verso una soluzione definitiva e non nuovamente provvisoria, soluzione da troppo attesa. 

Questo repentino dietro front non è giusto nei confronti di un settore da tempo penalizzato, che lotta davvero con tutte le sue forze, oltre che con gli eventi atmosferici, anche con un'inspiegabile inerzia amministrativa.

Sono assolutamente sicuro che non è così, ma non vorrei che, dietro questo cambio di passo, ci fossero interessi di piccolissimo cabotaggio, a vantaggio di pochissimi, se non di singoli.

Di sicuro una decisione va presa, insieme e in maniera oculata e costruttiva, nell'interesse della città, dei savonesi, degli operatori del commercio su aree pubbliche, senza arrivare ne a scontri, ne a scontrini, perché gli interessi di pochi non prevarichino i diritti di molti.

Angelo Vaccarezza

#ilventoècambiato
#lamialiguria

Alassio - Torino - Caso della nonnina-pilota: Marco Melgrati "innocente seriale", 29ma assoluzione per l'ex sindaco di Alassio

Marco Melgrati, dopo l'ennesima vittoria in una causa penale, quest'oggi, 
che lo vedeva accusato per l'ipotesi di raggiro di una ultra " ottuagenaria ", 
indossa spavaldamente la toga da avvocato, dopo la 29° assoluzione

"Sentenza arrivata a seguito di una istruttoria dibattimentale completa e complessa, che restituisce dignità all’architetto Melgrati", commenta il difensore Franco Vazio

Assoluzione numero ventinove per Marco Melgrati, ex sindaco di Alassio in predicato per la prossima tornata delle Comunali ed ex consigliere regionale. E' stato prosciolto dalle accuse con formula piena in un processo che si è svolto presso il Tribunale di Torino, che lo vedeva imputato per una presunta circonvenzione d'incapace ai danni di un'anziana. Quest'ultima, Ada Pace, la mitica Sayonara delle corse automobilistiche e motociclistiche degli anni Cinquanta-Sessanta, lo aveva retribuito con una parcella da 70 mila euro per un progetto di ristrutturazione e gli aveva trasferito una un'Alfa Romeo Giulietta Spider d'epoca. Fatti finiti nel mirino degli inquirenti perché la donna era stata dichiarata interdetta e una perizia incaricata dal pm ne aveva profilato l'incapacità di esercitare le proprie facoltà mentali.

La pubblica accusa contestava a Melgrati l'induzione "ad atti nocivi" che avrebbero portato l'anziana signora al trasferimento di fondi e intestazioni di beni, senza essere capace di intedere e volere. Ma il giudice ha ritenuto la contestazione non fondata. Per l'architetto ed ex sindaco alassino è una nuova vittoria in sede giudiziaria. Per la precisione, è la ventinovesima assoluzione.

Ada Pace, deceduta alla veneranda età di 92 anni, è stata una campionessa dei motori, icona delle corse tra gli anni Cinquanta e Sessanta. L’ex primo cittadino di Alassio è stato chiamato a rispondere per una parcella di 70 mila euro emessa nei confronti della donna per un progetto di ristrutturazione e a giustificare l'intestazione di un'Alfa Romeo Giulietta Spider, pagata con il prezzo simbolico di 100 euro, ma del valore di 30 mila euro. Rinviato a giudizio insieme, ma non in concorso, con un avvocato civilista di Torino che, invece, si sarebbe fatto intestare una casa e una Ferrari Dino 246 GT, insieme ad una moto, "inducendo" l'anziana al testamento.

Il vice-coordinatore regionale di Forza Italia e presidente di Politica per Passione incassa un nuovo esito positivo al termine di un processo. Anche questa volta difeso dall'avvocato (e parlamentare del Pd) Franco Vazio. "Voglio esprimere grande soddisfazione per l’esito di questo processo odioso, per la contestazione mossa nei confronti del mio assistito. Questa sentenza, arrivata a seguito di una istruttoria dibattimentale completa e complessa, ha restituito la dignità all’architetto Melgrati che è risultato estraneo alle contestazioni che gli erano state mosse", commenta l'avvocato Vazio.

Il ringraziamento di Melgrati va subito al suo legale difensore che, pur militando sull'opposto fronte politico, ha sempre centrato gli obiettivi nelle udienze a carico dell'ex sindaco. "E' molto bravo e ha la fortuna di difendere un innocente seriale, condannato ad essere sempre assolto", è la chiosa ironica di Melgrati.


Da www.Savonanews.it del 15 Gennaio 2018

 

 

Alassio - Comunicato stampa di Angelo Galtieri capogruppo della Lista " Insieme X " sul bando relativo alla Sca - Acquedotto municipale: parte un esposto alla Procura della Repubblica di Savona per l'ipotesi di reato di " abuso di potere " nei confronti del sindaco Enzo Canepa

Angelo Galtieri capogruppo di " Insieme X "

Alassio - Torino - Raggiro della nonnina-pilota Ada Pace, detta "Sayonara" nel mondo delle corse anche di regolarità su 2 e 4 ruote : Marco Melgrati a processo, a Torino la sentenza ... .Per Melgrati è prevista in breve tempo la sentenza. Qui, sotto l'articolo, troverete il riassunto della storia di vita di Ada Pace, una donna con l'istinto della corsa e della competizione che ha regalato momenti avventurosi e quasi romanzeschi al mondo del motociclismo e dell'automobilismo agonistico, del dopoguerra

L'ex capogruppo ed ex consigliere regionale di F.I., Marco Melgrati, 
nuovamente coinvolto in una bufera giudiziaria, questa volta con l'ipotesi di raggiro 
di una ultra " ottuagenaria ".  

Icona delle corse negli anni '50 e '60, deceduta all'età di 92 anni, precisamente il 15 Novembre 2016, Ada Pace sarebbe stata raggirata. Sul banco degli imputati l'ex sindaco di Alassio, per una parcella di 70 mila euro e una Giulietta Spider d'epoca del valore di svariate decine di migliaia di euro, "comprata" per 100 euro...

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta è stata una campionessa di automobilismo, la prima donna a vincere competizioni d'alto livello su una quattro ruote: Sayonara il suo nome di battaglia. Perché sulla targa posteriore scriveva spesso "arrivederci", in giapponese, come sberleffo per il sorpassato di turno. Al secolo Ada Pace, icona delle corse e poi signora facoltosa (un piccolo impero tra alberghi, ville e veicoli d'epoca), deceduta ultranovantenne.


Per aver approfittato della fragilità senile e della veneranda età della donna - questa la contestazione della pubblica accusa - sono finiti sul banco degli imputati l'ex sindaco di Alassio ed ex consigliere regionale Marco Melgrati e un avvocato civilista di Torino.

L'ex primo cittadino alassino è stato chiamato a rispondere di una parcella di 70 mila euro incassata dall'anziana e a giustificare l'intestazione di un'Alfa Romeo Giulietta Spider degli anni Sessanta, pagata con il prezzo simbolico di 100 euro, ma del valore di 30 mila euro. Melgrati ha svolto il progetto di ristrutturazione di un'immobile della novantenne, nella Baia del Sole, e avrebbe ricevuto il compenso, sul cui importo si è concentrata la lente d'ingrandimento del giudice. E allo stesso modo è stata contestata la macchina d'epoca, trasferita in proprietà all'ex sindaco con un prezzo simbolico.

Melgrati non avrebbe agito in concorso con l'avvocato torinese. Quest'ultimo, invece, si sarebbe fatto intestare una casa e una Ferrari Dino 246 GT, insieme ad una moto, "inducendo" l'anziana al testamento, avrebbe chiesto alla banca della signora la bonifica a proprio vantaggio di tutte le giacenze e avrebbe cercato di farsi intestare beni per il valore di 2 milioni di euro.

Sayonara ha concluso gli ultimi anni in solitudine, circondata da pochi amici, nonostante i fasti agonistici, la gloria del passato e la ricchezza patrimoniale. Il processo è partito da una segnalazione dei servizi sociali e dal fatto sospetto che il civilista torinese si era opposto alla nomina di un amministratore di sostegno per la donna. Di qui il rinvio a giudizio per circonvenzione d'incapace sia di Melgrati sia dell'avvocato, che però sono stati chiamati a rispondere di episodi differenti.

L'amministratore di sostegno della nonnina-pilota, deceduta nel novembre del 2016, si è costituito parte civile. Al Tribunale di Torino hanno sfilato i testimoni per ricostruire quali rapporti legassero l'anziana facoltosa al politico e architetto alassino, da una parte, e all'avvocato torinese, dall'altra. Per Melgrati è prevista in breve tempo la sentenza.

R.g.

Da www.Savonanews.it del 15 Gennaio 2018


Da Wikipedia  la storia di vita di Ada pace :

Ada Pace, anche conosciuta con lo pseudonimo di Sayonara (Torino, 16 febbraio 1924Rivoli, 15 novembre 2016[1]), è stata una pilota automobilistica e pilota motociclistica italiana che svolse attività agonistica negli anni cinquanta e sessanta.

Gli inizi

Figlia di un artigiano torinese, iniziò giovanissima a frequentare gli ambienti sportivi, praticando la pallacanestro e, in seguito, gare di atletica e tiro a segno. Scoprì la sua passione per i motori e la velocità nell'immediato dopoguerra quando, in sella ad una "Vespa", partecipò alle gare monomarca organizzate dal "Vespa Club", negli anni 1947-48.
In quel periodo primeggiava continuamente, tanto da indurre la dirigenza Piaggio a prenderla in squadra e affidarle una moto ufficiale. Per i colori della casa di Pontedera, si cimentò in varie competizioni, compresa la "Sei Giorni" e la "Mille Chilometri", con risultati incoraggianti.
Nel 1950 iniziò a partecipare anche a qualche gara automobilistica, con la scarsa incisività dovuta alla poca esperienza e, soprattutto, alla mancanza di mezzi competitivi, ma si rifece con le vittorie in "Vespa", che le consentirono di conquistare il Trofeo Nazionale Gincane nel 1953, nel 1954 e nel 1956.

Il primo successo importante

La sua carriera di pilota sembrava destinata a restare nell'ambito delle "due ruote" finché, il 21 aprile 1951, si presentò alla partenza della "Torino - San Remo" alla guida di un'anzianotta, ma finalmente competitiva, "Fiat 1500 6C": vince contro ogni pronostico, gettando nel panico gli organizzatori e, nondimeno, la propria famiglia.
La direzione di gara, infatti, non sapeva come accogliere una vincitrice donna, eventualità non prevista dal regolamento, mentre i genitori erano restii, secondo la rigida moralità dell'epoca, ad inviare la figlia nubile in quella bolgia di corridori, meccanici, giornalisti e fotografi.
La questione venne risolta "all'italiana": la direzione di gara accolse la vincitrice con un mazzo di fiori, mentre a bordo dell'automobile con cui la Pace raggiunse il podio, come da protocollo, sedeva impettita la madre, dotata di borsetta sulle ginocchia ed espressione vigile "d'ordinanza". Probabilmente, l'unico caso di "premiazione sotto scorta" che la storia dell'automobilismo ricordi.

Lo sberleffo di Sayonara

Gara dopo gara, Ada Pace divenne una "testa di serie" dalla quale, passato il momento di sorpresa, molti colleghi maschi mal sopportavano d'essere battuti. Ogni volta che la "corridrice" (come si diceva al tempo) si affacciava sul podio, veniva regolarmente sommersa dai "reclami ufficiali" dei piloti giunti alle sue spalle che, almeno in un caso, sfociarono in un procedimento giudiziario. Un forte segnale venne dato dalle autorità sportive al termine della gara sul Circuito di Lumezzane, nel 1957. Il commissario tecnico Renzo Castagneto, autorevole patron della Mille Miglia, all'ennesimo reclamo decise di sottoporre alle verifiche anche le automobili dei reclamanti, giunti secondo e terzo. Il responso delle verifiche fu sorprendente: il veicolo della Pace risultò regolare, mentre gli altri due vennero squalificati.
Al Circuito di Modena, dove vinse nella Coppa d'Oro ACI del 1960, non vennero presentati reclami, ma il secondo e il terzo classificati disertarono l'importante premiazione, rifiutandosi di salire sul podio in posizioni inferiori a quella di una donna.
In verità, occorre dire che Ada Pace, nonostante l'aspetto pacioso e sorridente, non si faceva pregare nel "rendere pan per focaccia" ai colleghi maschi: spesso metteva la scritta "sayonara" (in giapponese "arrivederci") al posto della targa posteriore, tanto per far capire al sorpassato di turno che si sarebbero rivisti solo dopo il traguardo.
In breve tempo, "Sayonara" fu il soprannome con cui tutti la chiamavano nell'ambiente delle corse e la Pace lo utilizzò anche come pseudonimo ufficiale per l'iscrizione alle gare; possibilità all'epoca concessa dal regolamento. Ad esempio, è nella corsa in salita Aosta-Pila del 1959 che partecipò alla categoria Gran Turismo come "Sayonara" a bordo di una "Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce", per poi tornare al parco chiuso (grazie a un palorcio per il trasporto della legna) e ripartire nella categoria Sport, come Ada Pace, a bordo di una "Osca 1100 Sport", vincendo la gara e stabilendo il nuovo record del tracciato. Tale duplice partecipazione si verificò varie volte nelle stagioni 1959 e 1960, durante le quali la Pace aveva due vetture a disposizione.

Le gare internazionali

Poco a poco, le doti di "Sayonara" furono conosciute e apprezzate. Divennero suoi estimatori molti "mostri sacri" dell'automobilismo come Elio Zagato, Enzo Ferrari, Piero Taruffi, Cesare Fiorio e i fratelli Maserati, solo per citare alcuni "pezzi da novanta".
All'ultima edizione della Mille Miglia, nel 1957, partecipa nella categoria "Grand Turing Special" a bordo della sua Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce n.103, senza copilota. Forse per la stanchezza, durante la fase di ritorno del 12 aprile, esce di strada sbattendo la fiancata contro un albero, nei pressi di Porto San Giorgio.
Viene subito soccorsa da un commissario di percorso che accerta lo stato incolume di Ada, a parte qualche contusione, ma le impedisce di ripartire in quanto la vettura ha perduto una portiera nell'urto. Visto che la "Giulietta" è ancora in grado di marciare, la Pace chiede di poter continuare la gara, ma il commissario si dichiara incompetente a decidere, demandando la deroga al vicino posto di controllo, sito sulla riva opposta del fiume che costeggia la strada. Ada cerca di comunicare con i commissari di gara, ma nonostante la breve distanza non riesce a farsi udire per il rumore causato dallo scorrere dell'acqua.
Ritornare al posto di controllo, percorrendo la strada in senso opposto alla gara, non è consentito e, quindi, decide di arrangiarsi a suo modo: sotto gli occhi esterrefatti del commissario e del pubblico, si toglie la tuta e si getta nelle fredde acque dell'Ete, attraversandolo a nuoto. Tuttavia, la sua determinazione non fu premiata in quel caso, vedendosi confermare il divieto a riprendere la gara, per ragioni di sicurezza.
Nel 1959, Ada Pace vinse la Trieste-Opicina e, nel 1960, la "Targa Florio" (categoria 1100 sport), a bordo di un'OSCA-Maserati. L'anno seguente, con la stessa vettura, gareggiò nella cronoscalata Stallavena-Boscochiesanuova, aggiudicandosi la categoria Sport e segnando un record rimasto imbattuto. Durante la stagione venne ingaggiata dalla "squadra del Portello" e partecipò, con le "Giulietta SZ" ufficiali, a numerose gare. Nel 1963, fu tra i primi piloti a portare il celebre "triangolo azzurro" cucito sulla tuta.
Con la "SZ" di sua proprietà aveva già dato buona prova conquistando la piazza d'onore nel Rallye del Sestriere del 1959 ed è in una delle "SZ" ufficiali, alla "12 ore di Monza" del 1961, che le occorse l'incidente più spettacolare della carriera, dal quale si può capire la grinta del personaggio.
Mentre sul circuito brianzolo si accingeva ad impostare la "grande curva" successiva al rettilineo, sul filo dei 200 km/h, la coppia conica della sua "Giulietta" cedette improvvisamente, provocando il decollo della vettura e la conseguente disastrosa ricaduta a ruote in aria.
La situazione si presentava drammatica, vista la lontananza dei soccorsi e considerato che la Pace era imprigionata nella vettura capovolta, con il tetto schiacciato, le portiere bloccate e la benzina che filtrava abbondantemente nell'abitacolo. "Sayonara", però, non era tipo da perdersi d'animo e, dopo aver guadagnato il sedile posteriore, sfondò il lunotto a colpi di gomito. Fuoriuscì dal veicolo e si mise a correre per raggiungere il riparo; appena in tempo per vedere il fuoco divampare.
Sempre nel 1961, acquistò una Lotus Eleven-OSCA, partecipando a varie competizioni riservate alle sport-prototipo, come la 4 Ore di Pescara, sotto i colori della Milano Racing Club. A fine stagione vendette la Lotus-OSCA, per 3 milioni di Lire a un giovane aspirante pilota, futuro fondatore della Osella Corse.

Il ritiro dalle corse

Nel 1964 fu accolta nella Squadra Corse HF Lancia e le venne affidata una Lancia Flaminia Zagato Sport con la quale partecipò alla 1000 km del Nürburgring, ma fu una stagione avara di successi.
Il 27 febbraio 1965 partecipa al 5º Rally dei Fiori, durante il quale si schianta contro un autocarro che transita in senso contrario sul percorso di gara, nell'entroterra di Borghetto Santo Spirito. Esce illesa dall'incidente che segna il suo ritiro dalle corse. In seguito parteciperà a esibizioni o gare di regolarità per puro divertimento personale e ben lontane dalle competizioni agonistiche di livello nazionale o internazionale.

Le tragedie personali

Insieme alle grandi soddisfazioni per i successi sportivi, la vita di Ada pace è punteggiata anche da gravi tragedie personali.
Nel 1961, durante una sessione di prove sul circuito di Modena fu testimone del grave incidente nel quale perse la vita il suo fidanzato Giulio Cabianca, anch'esso pilota. Da quel giorno Ada utilizzò nelle corse esclusivamente il casco rosso che le aveva regalato Giulio poche settimane prima.
Nel 1972 il figlio adottivo Cesare, di 8 anni, morì impiccato a un albero del giardino in conseguenza di un tragico gioco.
Nel 2016, da qualche anno interdetta per motivi di salute, fu coinvolta in una vicenda giudiziaria, quale vittima di una truffa milionaria, in rapporto al suo consistente patrimonio mobiliare e immobiliare.[2]

Palmarès

Il palmarès di Ada Pace è impressionante, comprendendo una serie notevole di affermazioni e piazzamenti in gare automobilistiche e motociclistiche, tra le quali spiccano le vittorie alla Trieste-Opicina e alla Targa Florio.
Inoltre ha conquistati sei campionati nazionali di velocità in categoria "Gran Turismo" (dal 1957 al 1962), cinque in categoria "Sport" (dal 1958 al 1962) e i campionati italiani 1953, 1954 e 1956 di "Gincana", con la "Vespa", nella "classe 125".

Note

Bibliografia

  • Donatella Biffignandi, Ada Pace, Ruoteclassiche, febbraio 1990
  • Gaetano De Rosa, Gentil casco, Ruoteclassiche, marzo 1997
  • Ada Pace - L'uragano Sayonara imbattibile su strada, La Manovella, settembre 2005
  • Luca Gastaldi, Piloti di ieri..., Automobile Torino n.4/2010, ACImmagine, Torino
  • Michael John Lazzari, Giuliano Musi, Donne da corsa, Maglio Editore, San Giovanni in Persiceto, 2014

Voci correlate



 

Albenga - Ecco l'aperitivo senza cellulare, per riscoprire la magia del gioco



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Albenga - Gallerie " off-limits " per le bici: il Ponente " ostile " per i ciclisti. Il tour operator Marchesini, referente locale " grillino ", fa notare: " Così si allontanano i turisti "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Loano - Case vacanza in " nero ", multati 14 proprietari: sanzioni per 28 mila euro. I controlli a tappeto dei Vigili sugli affitti



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Spotorno - " Terre di mare " ora va alla conquista della Germania: il negozio di Spotorno specializzato in prodotti tipici liguri, ha aperto un " point " in una cittadina della Baviera



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Varazze - Lotta al commercio ambulante abusivo: per le " griffe " false nel mirino ora finiscono i clienti, una sanzione da 200 euro al turista che aveva acquistato due giacche con marchio falso



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Celle Ligure - Un Ferramenta di Celle accetta i " Bitcoin ". Il titolare del negozio è figlio del sindaco Zunino, che dice: " Basta usare un'App ", e precisa: il primo cliente che ha pagato con la " criptovaluta " è stato un turista milanese



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Vado Ligure - Erosione della spiaggia: arrivano le dighe " soffolte " e il sindaco: " Opera contro le mareggiate "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - Soste vietate e doppie file: cresce il " tesoretto " multe, il bilancio della Polizia municipale del capoluogo del savonese



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - Vendita di medicinali guasti: a processo Della Ferrera. L'avvocato ne ha chiesto la messa in prova. Le indagini dei Nas dei Carabinieri per un farmaco a base di potassio non diluito, a un suicida



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - Margonara, il tuffo d'inverno per dire ancora " No " al cemento. Ieri mattina un centinaio di persone hanno partecipato al " cimento contro il cemento "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - Lutto a Santa Rita: ieri il funerale per la morte dell'insegnante Luisa Batkovic, aveva 60 anni, e insegnava lettere alle Medie " Guidobono "



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Savona - I " trenini " dei desideri stregano i savonesi, la passione per i modellini che riproducono vagoni e ferrovie, contagia centinaia di persone



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

Cairo Montenotte - Parco dell'Adelasia: volontari al lavoro per " curare " le vie dai danni del gelo



Da www.ilSecoloxix.it del 15 Gennaio 2018

domenica 14 gennaio 2018

New York (Usa) - I Paesi africani uniti contro Trump: " Razzista e xenofobo, chieda scusa "



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

New York (Usa) - Alta tensione per il messaggio " Missile in arrivo ": scoppia il panico alle isole Hawaii per un allarme lanciato per sbaglio



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Italia - Il fisco e le sue scadenze nel 2018, analizzato giorno per giorno



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Gibellina (Trapani) - Belice, quei filari di vite nati su una terra ferita, grazie agli indennizzi per il sisma: la situazione oggi, 50 anni dopo il terremoto che rase al suolo interi paesi, e le vittime furono 400



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Napoli - Accoltellato a 15 anni da una " baby gang " a Napoli: al giovane ora è stata asportata la milza, mentre la madre, in lacrime, chiede giustizia



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Roma - Alitalia: AirFrance adesso accelera, giovedì l'incontro. I francesi alleati con EasyJet, sfideranno la cordata composta dai tedeschi di Lufthansa e Cdp



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Roma - L'intervista al presidente della Cei, il cardinal Bassetti, che dice: " Slogan elettorali deprimenti, basta promettere miracoli " e aggiunge: " C'è un'Italia da rammendare, serve responsabilità "



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Grosseto - L'anniversario: l'isola del Giglio ricorda il naufragio della Costa Concordia di sei anni fa e le vittime di quella che avrebbe potuto essere una vera ecatombe



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Milano - Roma - Tre i " report " sulla vendita del Milan, così BankItalia informò la Procura. Il Pm Greco precisa: nessuna inchiesta. Ma entra nella vicenda anche il deputato del M5S, Paolo Romano, che sostiene: " Quell'operazione è oscura. Presentai un'interrogazione sulla provenienza dei soldi "



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Milano - Le Banche e le " sofferenze ": la Bce (Banca Centrale europea) vigila su Npl (Non profit loans) i crediti " deteriorati " in attesa dell'addendum, un vertice di BankItalia



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018

Torino - Genova - Lo scontro Renzi Di Maio accende la battaglia elettorale, mentre per il simbolo M5S conteso, c'è il primo Ok al ricorso presnetato da una parte degli esclusi dal movimento, che si dicono anche loro fondatori del " movimento " e quindi ritengono di poter vantare dei diritti sul suo utilizzo



Da www.ilSecoloxix.it del 14 Gennaio 2018